La tua lingua
italiano english Spain
Germany Portugal Russian
Traduci Translate
Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 

 


Rechercher Ricerca avanzata

Forum Paranormale Mistero Meditazione su Facebook

Facebook
Paranormale
Forum



Facebook
Paranormale
Attivo

Oggetti che si spostano.

1/1/2017, 15:30 Da Andrea72

Buongiorno a tutti, volevo chiedere Consiglio a voi su una questione che, ammetto, mi spaventa.
Sono sposato da 16 anni e non è mai accaduto nulla …

[ Lettura completa ]

Commenti: 8

voce registrata in un vecchio maniero

4/18/2017, 11:40 Da kardec

salve a tutti,l'altro giorno io e la mia compagna stavamo visitando un vecchio maniero nei pressi di un faro marino..siamo tutti e due appassionati …

[ Lettura completa ]

Commenti: 35

Scetticismo e dimostrabilità del paranormale

4/17/2017, 20:54 Da ANANDA

Lo scettico a oltranza è un ottuso ed è capace di morire pur di non cambiare ideologia, come farebbe il credente ossessivo compulsivo. Entrambi …

[ Lettura completa ]

Commenti: 1

INGHILTERRA - CURIOSO FENOMENO

2/13/2017, 22:11 Da Eroe per Caso

SOLI NEL CIELO



INGHILTERRA - CURIOSO FENOMENO ATMOSFERICO

I popolo antichi erano degli attenti osservatori celesti,basti pensare alle gigantesche …

[ Lettura completa ]

Commenti: 22

Iniziate le celebrazioni dell'Anticristo

2/20/2017, 20:06 Da bellofuori

Iniziate le celebrazioni dell'Anticristo all'inaugurazione del traforo del GOTTARDO 2016



Commenti: 7

A cuore aperto

1/27/2017, 23:37 Da Eroe per Caso

A cuore aperto il chakra funziona.

Oggi, erano circa le 17,28, suona il mio cellulare.
Un attimo prima sentivo una fitta nel cuore, come un …

[ Lettura completa ]

Commenti: 6

"Profeta dormiente"

1/23/2017, 22:37 Da cassania

L'altro giorno ho trovato un documentario su youtube che mi aveva incuriosito, non mi pare di aver mai sentito parlare di lui. Interessante, …

[ Lettura completa ]

Commenti: 1

Luce e fosfeni

1/13/2017, 00:05 Da Lancillotto2013

Il Fosfenismo è una tecnica basata su concentrazione su una sorgente luminosa e poi l'espulsione fotonica dei fotoni ricevuti prima.
Tale …

[ Lettura completa ]

Commenti: 4

Paranormale

6/6/2016, 23:17 Da Eroe per Caso

Paranormale: i fantasmi di Casa Vianello

Da qualche settimana in tv e sul web tiene banco la questione relativa a presunte presenze paranormali a …



[ Lettura completa ]

Commenti: 4

Migliori postatori
Eroe per Caso (3671)
 
U F O (2598)
 
Lancillotto2013 (2505)
 
cassania (2091)
 
Libera (1533)
 
Bloham (422)
 
DEM (263)
 
Francesca (237)
 
Selene (232)
 
Claudio80 (173)
 

Parole chiave

17  KIABI  11  4  1  18  8  14  5  19  16  3  PrayForParis  12  15  13  

Statistiche
Abbiamo 96 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Oggigiul

I nostri membri hanno inviato un totale di 16195 messaggi in 1238 argomenti
Flusso RSS



Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Nandakovâda Sutta - Istruzione di Nandako

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Nandakovâda Sutta - Istruzione di Nandako

Messaggio Da Lancillotto2013 il 4/16/2016, 22:04

Una volta il Sublime dimorava presso Sâvatthî, nella Selva del Vincitore, nel parco di Anâthapindiko. In quel tempo Mahâpajâpatî la Gotamide, insieme a cinquecento monache, si recò dal Sublime e disse:

"Istruisca il Sublime le monache, le ammaestri, tenga un discorso sulla Dottrina."

In quel periodo i monaci anziani, a turno, istruivano le monache, ma l'on. Nandako, quando fu la sua volta, non intendeva farlo. Il Sublime si rivolse all'on. Ânando: "A chi spetta oggi di istruire le monache, secondo il turno?"

"A Nandako, Signore, ma egli non vuole farlo."

Allora il Sublime si rivolse all'on. Nandako: "Istruisci tu le monache, ammaestrale, tieni un discorso sulla Dottrina." E quello, obbedendo al Sublime, prese mantello e scodella, e si recò a Sâvatthî per l'elemosina. Raccolto e consumato il cibo elemosinato, si diresse insieme ad un compagno verso il Parco Reale. Le monache, avendolo visto arrivare, prepararono un sedile e l'acqua per i piedi. L'on. Nandako si sedette, si lavò i piedi, e le monache, salutando riverentemente, si sedettero accanto. E l'on. Nandako disse: "Si tenga un discorso a domanda e risposta. Quindi, se si comprende, si dica: 'Comprendiamo'; se no, si dica: 'Non comprendiamo'. Però, su quello su cui vi è dubbio o incertezza, io sia di nuovo interrogato: 'Questo, signore, com'è? Quale ne è il senso?' "

"Noi siamo liete, signore, del tanto che il signore ci concede!"

"Che pensate di questo, sorelle: l'occhio è permanente o impermanente?"

"Impermanente, signore!"

"Ciò che è impermanente è doloroso o piacevole?"

"Doloroso, signore!"

"E ciò che è impermanente, doloroso, mutevole, lo si può ora considerare così: 'Questo è mio, questo sono io, questo è me stesso?"

"No di certo, signore!"

"Che pensate di questo, sorelle: l'orecchio, il naso, la lingua, il corpo, la mente sono permanenti o impermanenti?"

"Impermanenti, signore!"

"E ciò che è impermanente è doloroso o piacevole?"

"Doloroso, signore!"

"E ciò che è impermanente, doloroso, mutevole, lo si può ora considerare così: 'Questo è mio, questo sono io, questo è me stesso?"

"No di certo, signore!"

"E perché no?"

"Noi abbiamo già ben visto, signore, conforme a realtà, con perfetta sapienza: 'Queste sei sedi interne dei sensi sono impermanenti' "

"Bene, sorelle, bene: così appunto ciò è visto dal santo discepolo, conforme a realtà, con perfetta sapienza. Che pensate di questo, sorelle: le forme sono permanenti o impermanenti?"

"Impermanenti, signore!"

"E ciò che è impermanente è doloroso o piacevole?"

"Doloroso, signore!"

"E ciò che è impermanente, doloroso, mutevole, lo si può ora considerare così: 'Questo è mio, questo sono io, questo è me stesso?"

"No di certo, signore!"

"Che pensate di questo, sorelle: i suoni, gli odori, i sapori, i contatti, le cose sono permanenti o impermanenti?"

"Impermanenti, signore!"

"E ciò che è impermanente è doloroso o piacevole?"

"Doloroso, signore!"

"E ciò che è impermanente, doloroso, mutevole, lo si può ora considerare così: 'Questo è mio, questo sono io, questo è me stesso?"

"No di certo, signore!"

"E perché no?"

"Noi abbiamo già ben visto, signore, conforme a realtà, con perfetta sapienza: 'Queste sei sedi esterne dei sensi sono impermanenti' "

"Bene, sorelle, bene: così appunto ciò è visto dal santo discepolo, conforme a realtà, con perfetta sapienza. Che pensate di questo, sorelle: la coscienza visiva è permanente o impermanente?"

"Impermanente, signore!"

"E ciò che è impermanente è doloroso o piacevole?"

"Doloroso, signore!"

"E ciò che è impermanente, doloroso, mutevole, lo si può ora considerare così: 'Questo è mio, questo sono io, questo è me stesso?"

"No di certo, signore!"

"Che pensate di questo, sorelle: la coscienza uditiva, quella olfattiva, quella gustativa, quella tattile e quella mentale è permanente o impermanente?"

"Impermanente, signore!"

"E ciò che è impermanente è doloroso o piacevole?"

"Doloroso, signore!"

"E ciò che è impermanente, doloroso, mutevole, lo si può ora considerare così: 'Questo è mio, questo sono io, questo è me stesso?"

"No di certo, signore!"

"E perché no?"

"Noi abbiamo già ben visto, signore, conforme a realtà, con perfetta sapienza: 'Questi sei gruppi di coscienza sono impermanenti' "

"Bene, sorelle, bene: così appunto ciò è visto dal santo discepolo, conforme a realtà, con perfetta sapienza. Così come, sorelle l'olio di una lampada accesa, il lucignolo, la fiamma e la luce sono impermanenti e mutevoli, chi ora dicesse: 'L'olio, il lucignolo e la fiamma sono impermanenti e mutevoli, ma la luce della lampada è permanente, stabile, perpetua, immutabile'; direbbe rettamente?"

"No di certo, signore!"

"E perché no?"

"Perché se l'olio, il lucignolo e la fiamma sono impermanenti e mutevoli, anche la luce lo sarà."

"Lo stesso è di chi dicesse: 'Queste sei sedi interne dei sensi sono impermanenti e mutevoli, ma ciò che tramite esse io provo di piacere, o dolore, o nessuno dei due, quello è permanente, stabile, perpetuo, immutabile'; direbbe rettamente?"

"No di certo, signore!"

"E perché no?"

"In conseguenza di questa o quella causa, signore, sorgono queste o quelle sensazioni; col cessare di questa o quella causa, cessano queste o quelle sensazioni."

"Bene, sorelle, bene: così appunto ciò è visto dal santo discepolo, conforme a realtà, con perfetta sapienza. Così come di un grande, eretto, massiccio albero, la radice, il tronco, il fogliame e l'ombra sono impermanenti e mutevoli, chi ora dicesse: 'La radice, il tronco, il fogliame di quell'albero sono impermanenti e mutevoli, ma la sua ombra è permanente, stabile, perpetua, immutabile'; direbbe rettamente?"

"No di certo, signore!"

"E perché no?"

"Perché se la radice, il tronco, il fogliame di quell'albero sono impermanenti e mutevoli, lo è anche la sua ombra."

"Lo stesso è di chi dicesse: 'Queste sei sedi esterne dei sensi sono impermanenti e mutevoli, ma ciò che io, tramite esse, provo di piacere, o dolore, o di nessuno dei due, quello è permanente, stabile, perpetuo, immutabile'; direbbe rettamente?"

"No di certo, signore!"

"E perché no?"

"In conseguenza di questa o quella causa, signore, sorgono queste o quelle sensazioni; col cessare di questa o quella causa, cessano queste o quelle sensazioni."

"Bene, sorelle, bene: così appunto ciò è visto dal santo discepolo, conforme a realtà, con perfetta sapienza. Così come se un abile macellaio o un suo garzone, avendo ucciso una vacca, con un affilato coltello la scuoiasse senza guastarne l'interno corpo e senza guastarne l'esterna pelle, ma incidendo solo quello che vi è tra di essi di membrane, tendini e legamenti, ed avendolo fatto, ricoprisse la carne del corpo con la pelle dicendo: 'Così la vacca è ricongiunta con la sua pelle'; direbbe rettamente?"

"No di certo, signore!"

"E perché no?"

"Perché quella vacca non è ricongiunta con la sua pelle."

"Ora vi spiego il senso del mio paragone. L'interno corpo di carne è una designazione delle sei sedi interne dei sensi. La pelle è una designazione delle sei sedi esterne dei sensi. Quello che fra i due vi è di membrane, tendini e legamenti è una designazione della brama del piacere. Il coltello affilato è designazione della santa sapienza. Sette risvegli, sorelle, vi sono, con l'esercizio e lo svolgimento dei quali il monaco, esaurendo le manie, può fare a sé palese, realizzare e raggiungere la redenzione dell'animo senza manie, redenzione di sapienza. Ecco, il monaco produce il risveglio della meditazione, il risveglio dell'investigazione, il risveglio della forza, il risveglio della serenità, il risveglio della calma, il risveglio del raccoglimento, il risveglio dell'indifferenza; ogni risveglio connesso al distacco, alla rinunzia, alla cessazione, trapassante alla consumazione."

Quindi ora l'on. Nandako, avendo istruito le monache, le congedò: "Andate, sorelle, è tempo."

Allora quelle monache, approvando e lodando il discorso dell'on. Nandako, si alzarono, salutarono riverentemente, gli girarono sulla destra e si recarono dal Sublime. Lo salutarono riverentemente e ristettero accanto, ma anche il Sublime le congedò: "Andate, monache: è tempo." Allora le monache, salutandolo riverentemente, gli girarono sulla destra e si allontanarono. E il Sublime, poco dopo, si rivolse ai monaci: "Così come nella notte prima del plenilunio in molta gente v'è dubbio ed incertezza: 'È ancora manchevole la luna, o è già piena?'; ma la luna è appunto ancora manchevole: così pure quelle monache sono contente dell'esposizione della dottrina dell'on. Nandako, ma non ne sono ancora pienamente persuase." Quindi, rivolgendosi all'on. Nandako: "Domani tu ripeterai a quelle monache la stessa istruzione."

E l'on. Nandako l'indomani, obbedendo al Sublime, nelle stesse circostanze, con le medesime parole ripeté la stessa istruzione, e poi dette loro licenza. E dopo che le monache, recatesi dal Sublime, ebbero avuto anche da lui licenza, il Sublime si rivolse ai monaci: "Così come nella notte del plenilunio non v'è più nella gente il dubbio e l'incertezza perché allora la luna è proprio piena: così appunto, monaci, quelle monache sono ora contente e pienamente persuase dell'esposizione della dottrina dell'on. Nandako. Di quelle cinquecento monache, anche l'ultima è entrata nella corrente, è scampata al pericolo e procede sicura verso il pieno risveglio."

_________________

Il vantaggio di essere un Intelligente è che si può sempre fare l'imbecille, mentre il contrario è proprio impossibile.
avatar
Lancillotto2013
Guru
Guru

Messaggi : 2505
Punti : 6635
Reputazione : 3492
Data d'iscrizione : 11.02.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: Nandakovâda Sutta - Istruzione di Nandako

Messaggio Da goodlie il 4/17/2016, 08:00

qual è il significato dell'ultima parte?



lancillotto ha scritto:E il Sublime, poco dopo, si rivolse ai monaci: "Così come nella notte prima del plenilunio in molta gente v'è dubbio ed incertezza: 'È ancora manchevole la luna, o è già piena?'; ma la luna è appunto ancora manchevole: così pure quelle monache sono contente dell'esposizione della dottrina dell'on. Nandako, ma non ne sono ancora pienamente persuase." Quindi, rivolgendosi all'on. Nandako: "Domani tu ripeterai a quelle monache la stessa istruzione."

E l'on. Nandako l'indomani, obbedendo al Sublime, nelle stesse circostanze, con le medesime parole ripeté la stessa istruzione, e poi dette loro licenza. E dopo che le monache, recatesi dal Sublime, ebbero avuto anche da lui licenza, il Sublime si rivolse ai monaci: "Così come nella notte del plenilunio non v'è più nella gente il dubbio e l'incertezza perché allora la luna è proprio piena: così appunto, monaci, quelle monache sono ora contente e pienamente persuase dell'esposizione della dottrina dell'on. Nandako. Di quelle cinquecento monache, anche l'ultima è entrata nella corrente, è scampata al pericolo e procede sicura verso il pieno risveglio."
avatar
goodlie
Ricercatore
Ricercatore

Messaggi : 82
Punti : 353
Reputazione : 251
Data d'iscrizione : 24.01.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Nandakovâda Sutta - Istruzione di Nandako

Messaggio Da Eroe per Caso il 4/17/2016, 10:11

Quando si è prossimi a raggiungere una meta e un obbiettivo ci si chiede spesso "ce la farò a fare l'ultimo passo? riuscirò in questa impresa? esiste veramente l'obbiettivo che tanti prima aspettarono e alcuni raggiunsero?".

E tale dubbio è forte nell'umano e nella sua mente.

E ancor di più lo è nell'istintualità femminile che da sempre ha un Dna predisposto di occupazioni pratiche e riproduttive importanti per la mente e il corpo quanto deleterie per la meditazione e l'ascesa spirituale.
Contraddizione superabile ma con doppio sforzo da parte della donna, la quale supera in praticità - energia - sensibilità la parte corrispettiva maschile, ma che al tempo stesso è personalità molto più sottoposta a DUBBIO DILEMMA E PROBLEMI PRATICI DEL QUOTIDIANO .. oltre all'istinto innato e ben timbrato nel Dna di anima-corpo-mente: del riprodursi, di essere mamma, di curare la prole, di curare la casa, ecc.. ecc...

La donna invece che i dubbi allontana, che il dilemma schiaccia, che supera persino il suo istinto "mammifero procreativo", e supera tutto ciò con naturalezza e sensitività che vanno oltre la sua stessa "normale sensibilità", beh costei è destinata a entrare nella CORRENTE.

Entrati nella corrente.. il passo diventa leggero e veloce, sicuro, semplice e fortissimo (te lo garantisco), e cosi ci si incammina verso i vari livelli di RISVEGLIO INTERIORE DELLA VERA PERSONALITA' SOVRUMANA ..che in tutti giace e, per colpa nostra, ogni giorno, tace.

_________________
avatar
Eroe per Caso
Risvegliato
Risvegliato

Messaggi : 3671
Punti : 10403
Reputazione : 5997
Data d'iscrizione : 06.02.15

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum