La risposta è sì. Uno studio statistico riduce a numeri i conflitti e i morti, e spiega perché il rischio di un conflitto su larga scala tra le grandi potenze è ancora elevato.