La tua lingua
italiano english Spain
Germany Portugal Russian
Traduci Translate
Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Cerca
 
 

Risultati per:
 

 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
Forum Paranormale Mistero Meditazione su Facebook

Facebook
Paranormale
Forum



Facebook
Paranormale
Attivo

La macchinetta del caffe fa le bizze

6/9/2018, 11:12 Da Carlo

Da qualche settimana la macchinetta del caffe si accendeva da sola, portata in un centro di riparazione non risulta che si sia guastata. La …

[ Lettura completa ]

Commenti: 2

Marcello Bacci

4/16/2018, 14:09 Da Claudio80

cheers
Ciao a tutti, stavo leggendo con un certo interesse la vicenda di Marcello Bacci, che ora non è più in vita. 
Era di Grosseto, era …

[ Lettura completa ]

Commenti: 0

Oggetti che si spostano.

1/1/2017, 15:30 Da Andrea72

Buongiorno a tutti, volevo chiedere Consiglio a voi su una questione che, ammetto, mi spaventa.
Sono sposato da 16 anni e non è mai accaduto nulla …

[ Lettura completa ]

Commenti: 10

Fatture esistono? Hanno sintomi?

2/16/2018, 12:02 Da Magika

Sintomi della Fattura.

anime tormentate maleficio - Anime tormentate dalle fiamme di un maleficio.
Rappresentazione tratta da un manoscritto …


[ Lettura completa ]

Commenti: 3

video con strane luci bianche

1/19/2018, 11:08 Da kardec

ciao a tutti..l'altro giorno vicino a degli alberi dove si trova una madonnina con dei ceri accesi e delle foto di persone appoggiate accanto, ( …

[ Lettura completa ]

Commenti: 20

Ivana Spagna shock: "Vedo fantasmi e faccio sogni

12/1/2017, 12:59 Da Eroe per Caso

Ivana Spagna shock: "Vedo fantasmi e faccio sogni premonitori"

Ospite del salotto di Barbara d'Urso a Pomeriggio 5, Ivana Spagna è …

[ Lettura completa ]

Commenti: 10

sentire ancora vicine le persone morte

11/13/2017, 09:56 Da celeste09

Buongiorno,
confesso che mi sento un po' fuori posto a scrivere in questo spazio.  Spero di avere in risposta opinioni serie.
Mio marito se n'è …

[ Lettura completa ]

Commenti: 5

nuovo evp?

11/12/2017, 10:43 Da kardec

ciao ragazzi,da poco ho effettuato una registrazione random col cellulare,riascoltandola ad un certo punto si sente un qualcosa..a me sembra dire una …

[ Lettura completa ]

Commenti: 7

Migliori postatori
Eroe per Caso (4007)
 
U F O (2835)
 
Lancillotto2013 (2816)
 
cassania (2266)
 
Libera (1533)
 
Bloham (422)
 
DEM (263)
 
Francesca (258)
 
Selene (235)
 
Claudio80 (197)
 

Parole chiave

19  nero  18  7  5  caso  Eroe  20  11  paranormale  6  10  14  8  4  13  2  Lahore  3  1  Buddha  12  15  16  17  boutique  

Statistiche
Abbiamo 107 membri registrati
L'ultimo utente registrato è diane1982

I nostri membri hanno inviato un totale di 17791 messaggi in 1450 argomenti
Flusso RSS



Bookmarking sociale

Bookmarking sociale delicious  Bookmarking sociale reddit  Bookmarking sociale stumbleupon  Bookmarking sociale slashdot  Bookmarking sociale yahoo  Bookmarking sociale google  Bookmarking sociale blogmarks  Bookmarking sociale live      




Conserva e condividi l'indirizzo di Forum di Paranormale Misteri Meditazione Spiritualità Yoga e Psiche sul tuo sito sociale bookmarking


"Il gran gioiello della discriminazione"

Andare in basso

"Il gran gioiello della discriminazione"

Messaggio Da Totoro il 12/21/2016, 21:50

Continuando a leggere, mi sono imbattuto in questi versi e trovandoli assai interessanti, ho deciso di postarveli.. Magari riesco a suscitare l'interesse di qualcuno che non ha mai letto questa OPERA, o che l'ha iniziata senza portarla a termine: non sapete che vi state perdendo egypt

PS: Avevi ragione Lanci.. Ci sono alcune cose che faccio proprio come Shankara descrive 

355. Calmo (santo), padrone di sé, supremamente raccolto,
fermo nella tolleranza, assorto nella pratica del samadhi, il
ricercatore contempla costantemente il proprio Sé come atman
universale. Con questa sadhana perviene a neutralizzare tutte le
immaginazioni che nascono dall’ignoranza e quindi, affrancato
da tutte le azioni e di là da ogni modificazione mentale, vive
nella beatitudine del Brahman.

358. Come il bruco, aspirando ardentemente ad essere vespa,
diviene vespa, così l’aspirante, contemplando acutamente il
reale, realizza il reale.

359. E come il bruco, mettendo da parte ogni altro interesse,
aspira intensamente ad essere solo vespa, così lo yogi,
contemplando solo il paramatman, realizza il paramatman.

365.
La vera natura del Brahman può essere realizzata in tutta
la sua evidenza e nella sua pienezza nel nirvikalpa samadhi.
Altro mezzo non v’è perché la mente instabile è sempre incline
ad associarsi ad altre percezioni.

366. Perciò calma la tua mente, controlla i tuoi sensi, assorbiti
nell’interiore e supremo atman, realizza la tua identità con
quella realtà, e le tenebre, prodotte dall’avidy", si dissiperanno
per sempre.

377. Spezza dunque ogni desiderio per gli oggetti dei sensi,
pericolosi veleni forieri di morte; abbandona l’orgoglio di
casta, di famiglia e di stadio sociale; astieniti dall’agire, non
identificarti col corpo, la mente, ecc., cose tutte irreali, e fissa
la tua coscienza sull’atma perché, in verità, tu sei il Testimone,
tu sei Brahman, privo di dualità, supremo, non contaminato
dalla mente.

380. In te risplende l’eterno atman, il Testimone universale,
immanente nell’intelletto. Rigettando ogni pensiero, contempla
questo atman – distinto dal non-reale – e comprendilo come te
stesso.

381. Contemplando continuamente questo atman, senza altri
pensieri, lo realizzerai chiaramente come la tua reale natura.



382. Rafforza la tua identità con l’atman e ripudia
contemporaneamente il senso dell’io con le sue modificazioni,
le quali non hanno alcun valore, come non lo ha un vaso che si
è rotto.

384. Questo atman che è senza limiti e senza parti, che è esente
da condizionamenti – come il corpo, gli organi dei sensi, i
prana, la mente, il senso dell’io, ecc., proiezioni tutte
dell’ignoranza – questo atman, simile a etere infinito,
dev’essere da te realizzato.

385. Cessa di associare all’etere i molteplici upadhi, come ad
esempio la brocca, il vaso, il granaio, l’astuccio per gli aghi,
ecc., perché l’etere è uno e non molteplice; così il Supremo,
quando è libero dalle sovrapposizioni dell’io, ecc., in verità è
Uno.

386. Dal trascurabile organismo unicellulare fino allo stesso
Brahma, tutte le sovrapposizioni sono non-reali. Perciò realizza
l’atman il quale rimane il solo e illimitato Sé.

394. Non è comunque il caso di dilungarci. Il jiva non è altro

che il Brahman, e lo stesso dispiegamento dell’universo è
Brahman. La sruti indica che Brahman è senza secondo. È un
fatto irrefutabile che i grandi Saggi dalla mente illuminata, i
quali hanno tagliato i contatti col mondo dei nomi e delle
forme e realizzato l’identità con Brahman, vivono in unità con
Brahman, eterna conoscenza e beatitudine.

411. Con il samadhi, quando il tuo antahkarana (organo
interno) è stato risolto, contempla in te stesso l’atman la cui
gloria è eterna, metti fine alla schiavitù del tuo passato, e
sforzati di raggiungere diligentemente il fine per il quale hai
preso un corpo umano.
(Lanci, c'entra qualcosa con quello che mi spiegavi in quel messaggio giorni fa, vero?)

412. Medita sull’atman che risiede nel tuo cuore, privo di
limitazioni, che è sat-cit-ananda e non-duale. Solo così non
sarai aggiogato alla catena delle nascite e delle morti.

419. Il frutto della spassionatezza è la conoscenza, quello della
conoscenza è il distacco dai piaceri sensoriali, il distacco
conduce allo velamento della beatitudine e questa alla pace.

_________________
' La forma è come una massa di schiuma; 
la sensazione, una bolla, 
la percezione, un miraggio; 
le formazioni mentali, un banano; 
la coscienza, un gioco d’illusione -- 
questo ha insegnato 
il parente del Sole. 
Importa poco come li si osserva, 
come li si esamina, 
sono vuote, cave 
per chiunque li contempla 
a fondo. 


[...]

Nessuna sostanza 
si può trovare. 

Così un monaco, con ferma risoluzione, 
deve contemplare gli aggregati 
giorno e notte, 
con presenza mentale, 
vigile; 
deve recidere ogni vincolo; 
deve fare di sé 
il suo rifugio; 
deve vivere come se 
la sua testa fosse nel fuoco
per raggiungere la dimensione 
da dove non si rinasce.'

avatar
Totoro
Intelligente
Intelligente

Messaggi : 160
Punti : 482
Reputazione : 296
Data d'iscrizione : 14.06.15

Torna in alto Andare in basso

Re: "Il gran gioiello della discriminazione"

Messaggio Da Eroe per Caso il 12/21/2016, 22:51

365. La vera natura del Brahman può essere realizzata in tutta la sua evidenza e nella sua pienezza nel nirvikalpa samadhi.

Altro mezzo non v’è perché la mente instabile è sempre incline ad associarsi ad altre percezioni.

E' giusto, però è anche da sapere che prima del Nivikalpa, anche se forse non a tutti accade, vi è giusta Unione sia qui in terra che poi a casa sua nel mondo del tramonto arancione con L'atman coscienza, è questa è la prima samadhi ovvero SAVIKALPA.
Poi uniti in Atman, jiva e atman diventano una sola persona, come se figlio e padre diventino un tutt'uno insieme uniti in corpo e mente.
E là, sbracciano il vuoto davanti come fossero veli e poi volando in un unico essere Atman con la jiva dentro fusa, attraversano spazio e tempo infiniti, vuoto nero e sorgono nel mondo blu, dove gli asceti stanno andando nel Brahman, e andando contro, volando, nel corpo di Quello, si perde persino l'atman e aperti gli occhi, dopo un secondo, ci si accorgerà stralunati che.. si è il Brahman .. in prima persona assoluta, naturale, senza bisogno di mente e pensiero, senza bisogno ne di coscienze ne spirito, potenti, pacifici, pieni e completi .. NON PIU ESIGENTI SCHIAVI .. FIGLI DEL BISOGNO E DEL DUBBIO CHE CREO' TANTE PAURE..

E dopo un anno (perché io sono ben tonto eh), l'individuo avrà improvvisa sorgenza, a occchi aperti, chiusi, da sveglio e da dormiente... che lui è QUELLO, e quella è ed era sempre stata LA SUA VERA NATURA INTIMA ... IL SUO VERO ESISTERE E LA SUA EFFETTIVA NATURA .. cosi si compirà la terza samadhi .. ma da sola e spontanea proprio .. e questa è detta SAHAJA.

Cois si ha totale compimento chiarificazione interpretazione vivificazione e vissuto di corpo-ego, mente-anima jiva, coscienza creatrice soggettiva Atman e Natura-Eterna Brahman, ovvero Uno.

Li si capirà e vivrà tutto, il karma si affievolisce ancor prima del Nirvikalpa, poi lentamente si sente che sparisce... e un peso in meno sarà sul groppone.

Ma sin che si vive restano 1/3 di karma dovuto agli altri (amici, famigliari, luogo, lavoro,. società in cui si è al momento) e 1/3 dovuto a mera casualità (terremoti, valanghe, incidenti, malattie, ecc..).

Cosi è dovuto per matematica certezza, poiché il Perfetto Compiuto deve avere prove che non vi siano altre possibilità se non del tutto incomplete e relative: se vi fosse un 2° perfetto significherebbe che il 1° era falso e incompleto infatti, e questa è la più alta matematica eterna dell'eterno, sua volontà ma anche sua natura e suo dovere, l'unico dovere che ha da fare a cicli : provare il relativo, crearlo sbatterlo fuori perché non lo inquini, verificare e poi riprendere ogni mondo relativo .. che abbia dimostrato la non esistenza di un 2° perfetto.

Se vi è un sistema perfetto infatti non può esservene altri, questa è l'unica IMPOSSIBILITA' CHE HA LA NS. NATURA ETERNA.

quindi .. proprio per questo noi siamo TUTTI PER UNO E UNO PER TUTTI.

C'est facile!

----   

411. Con il samadhi, quando il tuo antahkarana (organo
interno) è stato risolto, contempla in te stesso l’atman la cui
gloria è eterna, metti fine alla schiavitù del tuo passato, e
sforzati di raggiungere diligentemente il fine per il quale hai
preso un corpo umano.
(Lanci, c'entra qualcosa con quello che mi spiegavi in quel messaggio giorni fa, vero?)


Eccierto ... che c'entra, ognuno torna qui con degli scopi precisi, ovviamente meritando di potervi tornare.
Se uno è un demone accanito e bastardone .. le uniche possibilità sue sono scendere più in basso.

Se uno è molto positivo e in gamba e vuole godersela .. và nei paradisi dei Brahma o anche oltre nei paradisi oltre i Brahma o Dei di Abrahm, dove vi sono Divinità ed Entità molto speciali, super potenti e super lucenti, pieni di energie.

Ma se uno si pone un obbiettivo da dare per aiuto agli altri ... come vedi . .è Lui stesso poi aiutato.

E cosi è per questa mia piccola "vita riflessa del momento, l'ennesima ma stavolta è l'ultima proprio eh.."

VADO IN FERIE PER UN'ETERNITA'  boardmod_main

_________________
avatar
Eroe per Caso
Risvegliato
Risvegliato

Messaggi : 4007
Punti : 11995
Reputazione : 7125
Data d'iscrizione : 06.02.15

Torna in alto Andare in basso

Re: "Il gran gioiello della discriminazione"

Messaggio Da cassania il 2/1/2017, 22:48

@Totoro ha scritto:Continuando a leggere, mi sono imbattuto in questi versi e trovandoli assai interessanti, ho deciso di postarveli.. Magari riesco a suscitare l'interesse di qualcuno che non ha mai letto questa OPERA, o che l'ha iniziata senza portarla a termine: non sapete che vi state perdendo egypt

PS: Avevi ragione Lanci.. Ci sono alcune cose che faccio proprio come Shankara descrive  :cheesy
Io avevo cominciato a leggerla tempo fa ma poi, non capendo nulla, avevo smesso. Di recente avevo riprovato e devo dire che é molto, molto interessante! Sono ancora all'inizio, perchè devo leggere più volte il testo per analizzare, capire e memorizzare il più possibile.
Alcuni giorni fa sono arrivata a questo punto e non sono riuscita a capire granché... Sapete che cosa si intende qui?
148. Colui che per autoriconoscimento (?) aderisce alla sruti e compie il suo svadharma ( dovere inerente al proprio stato)(?), è purificato; e l’individuo dall’intelletto puro realizza l’atman supremo. Solo così il samsara viene distrutto alla sua radice.
153. È liberato colui che sa separare gli oggetti sensoriali dal Sé come si separa la scorza avviluppante dell’erba munja. Così, immergendo ogni cosa (?) nel Sé immobile (?), si crea la perfetta identità con esso.

_________________
Scherzando, si può dire di tutto, anche la verità.
---

Il pensare è per me un male.
Il non pensare è per me un bene. (DN9 v.18)
---

L'uomo deve elevare sé stesso per mezzo di sé stesso.
Poiché solo egli stesso può essere l'amico o il nemico di sé stesso.(BG)
---

Ogni realtà, materia, sensazioni, percezioni, conoscenza e realtà condizionate non sono me. Non sono mie. Perciò da esse distaccatevi. Quel distacco è pace, che va al di là di ogni legame. (SN 4.16)
---

Lo yogi che ha raggiunto questo Stato sente che non esiste ottenimento più prezioso. (BG)
avatar
cassania
Guru
Guru

Messaggi : 2266
Punti : 7331
Reputazione : 4997
Data d'iscrizione : 22.06.15

Torna in alto Andare in basso

Re: "Il gran gioiello della discriminazione"

Messaggio Da Totoro il 2/2/2017, 00:56

@cassania ha scritto:
@Totoro ha scritto:Continuando a leggere, mi sono imbattuto in questi versi e trovandoli assai interessanti, ho deciso di postarveli.. Magari riesco a suscitare l'interesse di qualcuno che non ha mai letto questa OPERA, o che l'ha iniziata senza portarla a termine: non sapete che vi state perdendo egypt

PS: Avevi ragione Lanci.. Ci sono alcune cose che faccio proprio come Shankara descrive  :cheesy
Io avevo cominciato a leggerla tempo fa ma poi, non capendo nulla, avevo smesso. Di recente avevo riprovato e devo dire che é molto, molto interessante! Sono ancora all'inizio, perchè devo leggere più volte il testo per analizzare, capire e memorizzare il più possibile.
Alcuni giorni fa sono arrivata a questo punto e non sono riuscita a capire granché... Sapete che cosa si intende qui?
148. Colui che per autoriconoscimento (?) aderisce alla sruti e compie il suo svadharma ( dovere inerente al proprio stato)(?), è purificato; e l’individuo dall’intelletto puro realizza l’atman supremo. Solo così il samsara viene distrutto alla sua radice.
153. È liberato colui che sa separare gli oggetti sensoriali dal Sé come si separa la scorza avviluppante dell’erba munja. Così, immergendo ogni cosa (?) nel Sé immobile (?), si crea la perfetta identità con esso.

Beh si, devo dire che come prima lettura, può lasciare un po' disorientati. Però, riprovandoci in un secondo momento come hai fatto tu (ed anche io  ), riesci a capire alcune cose che nella precedente lettura, non sapevi cosa fossero. E a distanza di tempo, qualsiasi lettura (che sia un Nikaya o meno), almeno succede con me, riesci a capire qualcosa di nuovo.

"dovere inerente al proprio stato": PENSO si riferisca al fatto che non puoi dire IO NON ESEGUO NESSUNA AZIONE COSICCHE' NON NE RACCOGLIERO' I SUOI FRUTTI (siano buoni o meno). Tutti "noi", abbiamo una posizione nella "società/vita", e come tale, dobbiamo compiere quelle azioni che ci si addicono. Ma tutto questo dovrebbe avvenire senza attaccarsi all'azione, poiché non siamo questo ammasso di elementi  .
Un po' come Arjuna nella Bhagavad Gita.. ricordi? Lord Krishna lo sprona ad entrare in guerra nonostante lui non volesse più combattere, facendogli capire che quello è il suo ruolo in quel momento. Ripeto: PENSO che si riferisca a questo.

immergendo ogni cosa (?) nel Sé immobile (?): Penso si riferisca al fatto che tutto è il Siva Brahman. Pertanto, togliendo l'ego che si attacca ai sei organi di senso, causando desiderio etc, non resta nient'altro che il Brahman.

Non so se sono riuscito a dare una delucidazione corretta ai tuoi dubbi.. Vediamo il MMMMMaestro che dice, e se mi bastona perché ho detto delle minccchhh...ATE. 

_________________
' La forma è come una massa di schiuma; 
la sensazione, una bolla, 
la percezione, un miraggio; 
le formazioni mentali, un banano; 
la coscienza, un gioco d’illusione -- 
questo ha insegnato 
il parente del Sole. 
Importa poco come li si osserva, 
come li si esamina, 
sono vuote, cave 
per chiunque li contempla 
a fondo. 


[...]

Nessuna sostanza 
si può trovare. 

Così un monaco, con ferma risoluzione, 
deve contemplare gli aggregati 
giorno e notte, 
con presenza mentale, 
vigile; 
deve recidere ogni vincolo; 
deve fare di sé 
il suo rifugio; 
deve vivere come se 
la sua testa fosse nel fuoco
per raggiungere la dimensione 
da dove non si rinasce.'

avatar
Totoro
Intelligente
Intelligente

Messaggi : 160
Punti : 482
Reputazione : 296
Data d'iscrizione : 14.06.15

Torna in alto Andare in basso

Re: "Il gran gioiello della discriminazione"

Messaggio Da Eroe per Caso il 2/2/2017, 01:42

Cosa vi ho sempre detto?
Quando non si conosce un termine o un nome .. si cerca

SRUTI ?

=

https://www.google.it/?gws_rd=ssl#hl=it&source=hp&q=SRUTI&aq=f&aqi=g10&aql=&oq=&gs_rfai=&fp=9fca69c98b5d77d7

https://www.google.it/?gws_rd=ssl#hl=it&source=hp&q=SRUTI&aq=f&aqi=g10&aql=&oq=&gs_rfai=&fp=9fca69c98b5d77d7

Praticamente sarebbe il DARMA (legge e modo corretto Universale voluto dal Brahman fattosi dio unico prima e poi riflessosi in 3 sotto-dei ..dopo: creazione - mantenimento - distruzione ciclica degli universi e della maya dovuta alla sua eterna meditazione nidra, anch'essa interrotta a cicli ma..sempre che ..non lo sposta di 1 millimetro dal suo Regno Blu Eterno senza stelle .. dove le stelle sono le creature che gli girano attorno ..non volendo scendere in altri piani ..fuori dal MONDO ETERNO DI BRAHMAN).

La SRUTI possiamo dire che è la LEGGE PROMULGATA (oltre 50.000 anni fa) e il DAMMA o DARMA detto dal Buddha Gotama (molto dopo.. solo 2.500 anni fà) è il modo di seguire attentamente e rigorosamente le regole legislative (della SRUTI).

------- è d'obbligo chiarirsi le idee passo per passo sui singoli significati IGNOTI .. e poi proseguire e leggere e rileggere e rifletterci (però informandosi e chiarendo OGNI COSA O TERMINE A NOI IGNOTO.. cosi che ne diveniamo edotti e poi anche DOTTI DEL TUTTO).

Poi ovviamente lo scopriremo e rinfrancheremo il tutto NELLA PRATICA INTERIORE - ESTERIORE DEL QUOTIDIANO NELLA MATERIA GREZZA.

.......................................................................................

_________________
avatar
Eroe per Caso
Risvegliato
Risvegliato

Messaggi : 4007
Punti : 11995
Reputazione : 7125
Data d'iscrizione : 06.02.15

Torna in alto Andare in basso

Re: "Il gran gioiello della discriminazione"

Messaggio Da Eroe per Caso il 2/2/2017, 02:01

148.
Colui che per autoriconoscimento aderisce alla sruti
e
compie il suo svadharma (dovere inerente al proprio stato), è purificato;

e l’individuo dall’intelletto puro realizza l’ātman supremo.

Solo così il samsāra viene distrutto alla sua radice.

Chi aderisce e riconosce se stesso nella LEGGE DEL BRAHMAN è Libero.

Se io sono nello stato UMANOIDE e facendo il mio dovere SPIRITUALE mi purifico dentro dai pensieri e desideri SOZZI ed EGOISTICI sono Un purificato.

Se poi dopo essere Libero (=saggio e onesto),
e se poi dopo essere Purificato,
raggiungo Uno Stadio-livello Intellettivo cosi alto e puro da fondermi con la Coscienza Atman .. io diventerò ATMAN e realizzerò la 1a SADHANA .. quella che io chiamo la Prima Realizzazione e che è detta SAVIKALPA  (Savi ovvero Saggia e Kalpa ovvero Ciclo / Era).

Quindi ho realizzato cosi con un'estrema intelligenza purificata e liberata e onesta dentro IL CICLO DELLA SAGGEZZA INTERIORE DEL SAVIO (Savi).

A quel punto (già solo con la 1a Sadhana nello spirito-coscienza-atman ovvero Savikalpa), io ho posto le basi per andare avanti E DISTRUGGERE OGNI KARMA PASSATO - PRESENTE e persino per non avere più un futuro nel Samsara.
Invero potrei si Risorgere in un alto mondo di Divinità .. ma non .. ad esempio nel paradiso caduco del Dio Brahma - Dio Di Abrahm ..essendo tale mondo NON FUORI MA BENSI DENTRO AL SAMSARA.

E invece quando Uno è Uno.. già con l'Atman .. qui non ritornerà MAI PIU' (salvo i casi eccezionali che rompono i maroni come il sottoscritto AHHHAHHA i quali insistono .. una volta in più e forse una volta di troppo... AHHAHAH).  

..................................................

149 Sotto il velo delle cinque guaine, quale quella del cibo, prodotte dal suo stesso potere, il Sé si cela, come avviene con l’acqua di un

lago coperta dalla coltre delle alghe.

150. Con la rimozione delle alghe, l’acqua del lago riappare perfettamente pura, spegnendo la sete e dando immediata gioia.

151. Rigetta dunque queste cinque guaine e il Sé ti apparirà come essenza di costante (nitya) beatitudine (ānanda), come il Supremo che

brilla del suo proprio splendore.

152. Per liberarsi dalla schiavitù, il saggio discepolo deve discriminare tra il Sé e il non-Sé, solo così egli potrà conoscere la propria

natura come Essere, Coscienza, Beatitudine (sat-cit-ānanda).

153. È liberato colui che sa separare gli oggetti sensoriali dal Sé come si separa la scorza avviluppante dell’erba munja. Così, immergendo ogni cosa nel Sé immobile, si crea la perfetta identità con esso.

-......................

AO' questi ve li traduco domani che mò è tardi ...
inclusa l'erba mungia minkia che in italia non esiste ma esiste il suo corrispettivo dannoso in agricoltura ..A' ZIZZANIAAA


FORZA RAGAZZI E ..INFORMATEVI .. C'E' GOOGLE C'E' WIKIPEDIA E INTERNET CI PERMETTE UNA INFORMAZIONE MOLTO RAPIDA E DIRETTA (ovvio scremate le caxxate ... quello è inevitabile che una tantum ci siano .. ma pigliateli come ornamenti .. il bello è con la pratica .. vedere e comparare TEORIE E PRATICHE VOSTRE .. cosi da avere la prova e la riprova e la controprova ennesima della prova e riprova).

boardmod_main

Tutto coinciderà .. vedrete .. è sarà stucchevole, impressionante.. però davvero eccezionale.

_________________
avatar
Eroe per Caso
Risvegliato
Risvegliato

Messaggi : 4007
Punti : 11995
Reputazione : 7125
Data d'iscrizione : 06.02.15

Torna in alto Andare in basso

Re: "Il gran gioiello della discriminazione"

Messaggio Da cassania il 2/2/2017, 12:22

Grazie a tutti e due per le risposte!

@Totoro ha scritto:Beh si, devo dire che come prima lettura, può lasciare un po' disorientati. Però, riprovandoci in un secondo momento come hai fatto tu (ed anche io  ), riesci a capire alcune cose che nella precedente lettura, non sapevi cosa fossero. E a distanza di tempo, qualsiasi lettura (che sia un Nikaya o meno), almeno succede con me, riesci a capire qualcosa di nuovo.
Sì, all'inizio per me era incomprensibile e dopo un paio di versi mi stavo già per addormentare, ora invece, a distanza di mesi, posso dire che "è molto coinvolgente come lettura" Very Happy In più, per non perdermi nulla, lo sto leggendo in contemporanea con la Diga Nikaya  (avevo ricominciato a leggere da capo anche quest'ultima in quanto dopo le interruzioni non mi ricordavo più nulla). Lo faccio ogni sera prima di coricarmi e durante la giornata cerco di riflettere su ciò che mi è rimasto nella memoria e "metterlo in pratica" durante la giornata, ad esempio rievocando contemporaneamente nella memoria alcuni di questi versi riesco a gestire meglio alcuni stati mentali accorgendomi appunto in tempo di loro, prima che prendono il sopravvento:
126. Colui che conosce tutto ciò che accade negli stati di veglia, sogno e sonno profondo, colui che è consapevole della presenza o dell’assenza del pensiero e delle sue modificazioni, colui che è il supporto dello stesso senso dell’io è l’atman.
131. Esso è il Sé interiore, il primordiale Signore, la costante e piena beatitudine, sempre identico a se stesso per quanto si rifletta nelle molteplici modificazioni mentali. Gli organi sensori e i prana, con le loro rispettive funzioni, attingono da esso.
+++
DN 11 Abbandono degli ostacoli
[...]Abbandonando la cupidigia nei riguardi del mondo, egli dimora con una consapevolezza priva di cupidigia. Purifica la sua mente dalla cupidigia. Abbandonando la cattiva volontà e l’ira, egli dimora con una consapevolezza priva di cattiva volontà, rivolto al benessere di tutti gli esseri viventi. Purifica la sua mente dalla cattiva volontà e dall’ira. Abbandonando il torpore e l’indolenza, egli dimora con una consapevolezza priva di torpore ed indolenza, mentalmente presente, vigile, capace di percepire l’illuminazione mentale. Purifica la sua mente dal torpore e dall’indolenza. Abbandonando l'agitazione e l’ansia, egli dimora imperturbato, la sua mente internamente calma. Purifica la sua mente dall'agitazione e dall'ansia. Abbandonando il dubbio, egli dimora oltre l'incertezza, senza perplessità nei riguardi delle qualità mentali salutari. Purifica la sua mente dal dubbio.[...]
Ecc. ecc., cercando di ricordarmi anchè questo:

47. L’identificazione con la non-conoscenza ti ha fatto cadere
– tu che sei Sé supremo – nella schiavitù del non-Sé. Essa è la
causa che ti fa perpetuare la strada delle nascite e delle morti.
----------
@Eroe per Caso ha scritto:Cosa vi ho sempre detto?
Quando non si conosce un termine o un nome .. si cerca
SRUTI ?
=
Hai ragione, ma avevo provato a fare così   avevo cercato il significato di svadharma, ma nemmeno così avevo capito granchè... L'altra cosa che avrei dovuto fare e non l'ho fatta Embarassed è quello di provare magari a leggere questo verso in un'altra lingua.
---
Quindi, "tradotto" la capisco così:
autoriconoscimento = cioè "io sono Quello" (ad es. come spiegato qui 47. L’identificazione con la non-conoscenza ti ha fatto cadere – tu che sei Sé supremo – nella schiavitù del non-Sé. oppure qui 20. Il discernimento tra reale e irreale si fonda sull’incrollabile convinzione che solo Brahman è reale e che l’universo fenomenico è non-reale. ecc. ecc.)
compiere svadharma = siccome però non è sufficiente ripeterlo (ciò che ho appena descritto sopra) bisogna anche metterlo in pratica, cioè fare come indicato dalla sruti... (ad es. come descritto qui: 46. A coloro che cercano la liberazione, la sruti indica, come fattori principali, la fede, la devozione e la pratica della meditazione. Coloro che vi si dedicano in modo persistente si affrancano dalla schiavitù dei corpi che vivono della forza dell’ignoranza. ecc. ecc.)
OriginaleInterpretazione (mia)
148. Colui che per autoriconoscimento aderisce alla sruti e compie il suo svadharma (dovere inerente al proprio stato), è purificato; [e l’individuo dall’intelletto puro realizza l’ātman supremo. Solo così il samsāra viene distrutto alla sua radice.]148. Colui che si identifica non con il corpo grezzo ma si riconosce come Quello e quindi "si applica con zelo" (cioè mette in pratica come indicato dalla sruti) e "si affranca dalla schiavitù del corpo", è purificato; [...]
Sto capendo un pochetto meglio com'è fatto il testo, in pratica bisognerebbe o tenere in memoria ciò che è stato letto prima, o prendere degli appunti o niente, si torna indietro e si ripassa velocemente... Perchè in pratica, qui, non fa altro che riassumere con altri termini ciò che aveva detto prima. Poi, siamo sempre lì... E' una traduzione dall'inglese che è stata fatta dalla lingua originale, no? Poi per uno/a che manco l'italiano lo conosce perfettamente... Per cui potrebbe capitare che la frase "suona" un pochetto "strano"...

_________________
Scherzando, si può dire di tutto, anche la verità.
---

Il pensare è per me un male.
Il non pensare è per me un bene. (DN9 v.18)
---

L'uomo deve elevare sé stesso per mezzo di sé stesso.
Poiché solo egli stesso può essere l'amico o il nemico di sé stesso.(BG)
---

Ogni realtà, materia, sensazioni, percezioni, conoscenza e realtà condizionate non sono me. Non sono mie. Perciò da esse distaccatevi. Quel distacco è pace, che va al di là di ogni legame. (SN 4.16)
---

Lo yogi che ha raggiunto questo Stato sente che non esiste ottenimento più prezioso. (BG)
avatar
cassania
Guru
Guru

Messaggi : 2266
Punti : 7331
Reputazione : 4997
Data d'iscrizione : 22.06.15

Torna in alto Andare in basso

Re: "Il gran gioiello della discriminazione"

Messaggio Da Eroe per Caso il 2/2/2017, 15:20

OriginaleInterpretazione (mia)
148. Colui che per autoriconoscimento aderisce alla sruti e compie il suo svadharma (dovere inerente al proprio stato), è purificato; [e l’individuo dall’intelletto puro realizza l’ātman supremo. Solo così il samsāra viene distrutto alla sua radice.]148. Colui che si identifica non con il corpo grezzo ma si riconosce come Quello e quindi "si applica con zelo" (cioè mette in pratica come indicato dalla sruti) e "si affranca dalla schiavitù del corpo", è purificato; [...]


Non è propriamente esatto cosi come interpreti adesso:

l'auto riconoscimento significa che tu RICONOSCI CHE NON SEI NE CORPO NE MENTE NE PENSIERI BASSI e cosi ti auto-capisci e auto-comprendi.. e automaticamente in modo del tutto intelligente, ma naturale e semplice .. anche, auto-capisci che sei SOLAMENTE ATMAN E BRAHMAN e in verità assoluta SOLO IL BRAHMAN UNO ETERNO SEI.

 148. Colui che si identifica non con il corpo grezzo  = NO ..

 non c'è nessuna identificazione da farsi con corpo ne mente ne ego idea

 ... noi infatti ci illudiamo nella Maya-Sogno Ipnotico - Samsara - Ruota del Karma ... di avere CORPO E AVERE MENTE.

Ma in verità COPRO E MENTE sono ns. proiezioni vuote e inesistenti , appaiono vivono e si muovono e sembrano consistere ma in verità NON HANNO ALCUNA CONSISTENZA - VITALITA' PROPRIA E ALCUNA ESSENZA.

Per questo gli umani e i semi-dei sono chiamati "oggetti" da esperti Guru Yoga, perché lo sono davvero.
La mente (ulteriore proiezione fantastica che nasce prima dei corpi) è l'illusorio sostegno "di tipo sottile) che noi stessi inventiamo per sostenere poi le ulteriori creazioni-proiezioni-fantastiche ... come lo sono il corpo umano (ammasso di atomi), la luce (ammasso di atomi fotoni), gli animali (ammasso di atomi) e tutte le materie ed energie: fuoco, acqua, aria, terra e .. persino Etere o Spirito che, per primo in classifica, esce prima di tutte le altre 4 che ho citato prima , infatti la sequenza creativa che fa l'atman coscienza nel creare - proiettare è :

ETERE per primo
e poi: FUOCO ACQUA ARIA e per ultima la TERRA.

------------

Hai ragione sulle traduzioni, purtroppo complicano oltremodo la discriminazione che già è ben difficile come vedi, infatti la pratica permette di velocizzare al comprensione e di superare le traduzioni "troppo artefatte" ... ottenendo perfetta riprova.
Per l'italiano non c'è problema boh  se ti servono ripetizioni icon_rof  egypt

_________________
avatar
Eroe per Caso
Risvegliato
Risvegliato

Messaggi : 4007
Punti : 11995
Reputazione : 7125
Data d'iscrizione : 06.02.15

Torna in alto Andare in basso

Re: "Il gran gioiello della discriminazione"

Messaggio Da Totoro il 2/2/2017, 15:55

@cassania ha scritto:Grazie a tutti e due per le risposte!
Di niente cassania. Ma purtroppo non c'è niente da fa': so proprio na schiappa ahahaha 

@Eroe per Caso ha scritto:Cosa vi ho sempre detto?
Quando non si conosce un termine o un nome .. si cerca
SRUTI ?
Ma .. intendevi Śruti oppure Srrrrruti  mmh mmh

A parte gli scherzi, ti ringrazio anche io per la spiegazione. Non avevo interpretato i versi da questo punto di vista.

_________________
' La forma è come una massa di schiuma; 
la sensazione, una bolla, 
la percezione, un miraggio; 
le formazioni mentali, un banano; 
la coscienza, un gioco d’illusione -- 
questo ha insegnato 
il parente del Sole. 
Importa poco come li si osserva, 
come li si esamina, 
sono vuote, cave 
per chiunque li contempla 
a fondo. 


[...]

Nessuna sostanza 
si può trovare. 

Così un monaco, con ferma risoluzione, 
deve contemplare gli aggregati 
giorno e notte, 
con presenza mentale, 
vigile; 
deve recidere ogni vincolo; 
deve fare di sé 
il suo rifugio; 
deve vivere come se 
la sua testa fosse nel fuoco
per raggiungere la dimensione 
da dove non si rinasce.'

avatar
Totoro
Intelligente
Intelligente

Messaggi : 160
Punti : 482
Reputazione : 296
Data d'iscrizione : 14.06.15

Torna in alto Andare in basso

Re: "Il gran gioiello della discriminazione"

Messaggio Da Eroe per Caso il 2/2/2017, 19:24

@Totoro ha scritto:
1
Di niente cassania. Ma purtroppo non c'è niente da fa': so proprio na schiappa ahahaha  :rotfil:Ma .. intendevi Śruti oppure Srrrrruti  mmh mmh

---------

2
A parte gli scherzi, ti ringrazio anche io per la spiegazione. Non avevo interpretato i versi da questo punto di vista.


[size=24]1[/size]
Nell'insegnamento implicita ci sono due gradi: in primo luogo, la progressiva instillando di intuizione e la saggezza e il potere attraverso l'esperienza guidata del discepolo, che è interiormente illuminato dal Maestro, che egli possa tessere la sua esperienza spirituale nella sostanza della sua vita interiore . Poi c'è il culmine di questa guida interiore, quando il Maestro conferisce al discepolo, le verità non singole e particolari intuizioni, ma tutta la Verità, tutto chiaro, tutto l'Essere. Questo, il Master è in grado di fare, perché, una con la Superanima, egli stesso quella Verità, quella Luce, che l'Essere. E ciò che il Maestro già è, il discepolo può diventare.

http://translate.googleusercontent.com/translate_c?depth=1&hl=en&rurl=translate.google.com&sl=auto&sp=nmt4&tl=it&u=http://www.universaltheosophy.com/kshetra-books/mukhya-upanishads/&usg=ALkJrhhUbu3nM1Vrd9BlEZ0i7_q3ljh9qg

------------

2

..eee .. qui si vede che manca UFO STUFO .. il Signore della Teoria Yogurt-logica (ahjahhah), in 3 seconds ve spieghava er problem:

La sruti è la sruti la sruti gnocca è la gnocca, cioè solo la prima serve per levarsi dai cojons, perché la seconda li attrae (ahhahah) ..  


_________________
avatar
Eroe per Caso
Risvegliato
Risvegliato

Messaggi : 4007
Punti : 11995
Reputazione : 7125
Data d'iscrizione : 06.02.15

Torna in alto Andare in basso

Re: "Il gran gioiello della discriminazione"

Messaggio Da cassania il 2/3/2017, 00:28

@Eroe per Caso ha scritto:l'auto riconoscimento significa che tu RICONOSCI CHE NON SEI NE CORPO NE MENTE NE PENSIERI BASSI e cosi ti auto-capisci e auto-comprendi.. e automaticamente in modo del tutto intelligente, ma naturale e semplice .. anche, auto-capisci che sei SOLAMENTE ATMAN E BRAHMAN e in verità assoluta SOLO IL BRAHMAN UNO ETERNO SEI.
Ecco, in realtà cercavo di scrivere questo...

148. Colui che si identifica non con il corpo grezzo  = NO ..
non c'è nessuna identificazione da farsi con corpo ne mente ne ego idea
No, infatti, è che a volte le frasi mi escono "storte" Very Happy

Hai ragione sulle traduzioni, purtroppo complicano oltremodo la discriminazione che già è ben difficile come vedi, infatti la pratica permette di velocizzare al comprensione e di superare le traduzioni "troppo artefatte" ... ottenendo perfetta riprova.
Sì, la pratica è indispensabile

Per l'italiano non c'è problema boh  se ti servono ripetizioni icon_rof  egypt
Dovrei fare uno sforzo pure lì e ripassare la grammatica. Probabilmente dovrò iscrivermi ad un corso...

_________________
Scherzando, si può dire di tutto, anche la verità.
---

Il pensare è per me un male.
Il non pensare è per me un bene. (DN9 v.18)
---

L'uomo deve elevare sé stesso per mezzo di sé stesso.
Poiché solo egli stesso può essere l'amico o il nemico di sé stesso.(BG)
---

Ogni realtà, materia, sensazioni, percezioni, conoscenza e realtà condizionate non sono me. Non sono mie. Perciò da esse distaccatevi. Quel distacco è pace, che va al di là di ogni legame. (SN 4.16)
---

Lo yogi che ha raggiunto questo Stato sente che non esiste ottenimento più prezioso. (BG)
avatar
cassania
Guru
Guru

Messaggi : 2266
Punti : 7331
Reputazione : 4997
Data d'iscrizione : 22.06.15

Torna in alto Andare in basso

Re: "Il gran gioiello della discriminazione"

Messaggio Da Totoro il 2/5/2017, 01:14

2

..eee .. qui si vede che manca UFO STUFO .. il Signore della Teoria Yogurt-logica (ahjahhah), in 3 seconds ve spieghava er problem:

La sruti è la sruti la sruti gnocca è la gnocca, cioè solo la prima serve per levarsi dai cojons, perché la seconda li attrae (ahhahah) ..

Meglio levarsi dai cojons.. eh! 

_________________
' La forma è come una massa di schiuma; 
la sensazione, una bolla, 
la percezione, un miraggio; 
le formazioni mentali, un banano; 
la coscienza, un gioco d’illusione -- 
questo ha insegnato 
il parente del Sole. 
Importa poco come li si osserva, 
come li si esamina, 
sono vuote, cave 
per chiunque li contempla 
a fondo. 


[...]

Nessuna sostanza 
si può trovare. 

Così un monaco, con ferma risoluzione, 
deve contemplare gli aggregati 
giorno e notte, 
con presenza mentale, 
vigile; 
deve recidere ogni vincolo; 
deve fare di sé 
il suo rifugio; 
deve vivere come se 
la sua testa fosse nel fuoco
per raggiungere la dimensione 
da dove non si rinasce.'

avatar
Totoro
Intelligente
Intelligente

Messaggi : 160
Punti : 482
Reputazione : 296
Data d'iscrizione : 14.06.15

Torna in alto Andare in basso

Re: "Il gran gioiello della discriminazione"

Messaggio Da cassania il 2/6/2017, 15:37

@cassania ha scritto:E' una traduzione dall'inglese che è stata fatta dalla lingua originale, no? Poi per uno/a che manco l'italiano lo conosce perfettamente... Per cui potrebbe capitare che la frase "suona" un pochetto "strano"...
@Eroe per Caso ha scritto:Hai ragione sulle traduzioni, purtroppo complicano oltremodo la discriminazione che già è ben difficile come vedi, infatti la pratica permette di velocizzare al comprensione e di superare le traduzioni "troppo artefatte" ... ottenendo perfetta riprova.
Ho cercato un po' in rete ed ho trovato un libro di Bhagavan Sri Ramana Maharshi nella mia lingua, è una sua traduzione "prosastica" di Vivekacudamani fatta in modo che possa essere un pochetto più comprensibile. E' scritta con un linguaggio leggermente diverso, secondo me. Ho provato a leggere un po' ed ho trovato più comprensibile ciò che non capivo nell'altra versione. Potrebbe essere dunque utile leggere due versioni contemporaneamente in modo da avere una comprensione migliore. L'unica cosa è che non ho ancora trovato la versione completa in italiano, magari, se qualcuno dovesse trovarla, potreste segnalarla qui

_________________
Scherzando, si può dire di tutto, anche la verità.
---

Il pensare è per me un male.
Il non pensare è per me un bene. (DN9 v.18)
---

L'uomo deve elevare sé stesso per mezzo di sé stesso.
Poiché solo egli stesso può essere l'amico o il nemico di sé stesso.(BG)
---

Ogni realtà, materia, sensazioni, percezioni, conoscenza e realtà condizionate non sono me. Non sono mie. Perciò da esse distaccatevi. Quel distacco è pace, che va al di là di ogni legame. (SN 4.16)
---

Lo yogi che ha raggiunto questo Stato sente che non esiste ottenimento più prezioso. (BG)
avatar
cassania
Guru
Guru

Messaggi : 2266
Punti : 7331
Reputazione : 4997
Data d'iscrizione : 22.06.15

Torna in alto Andare in basso

Re: "Il gran gioiello della discriminazione"

Messaggio Da U F A il 2/6/2017, 19:29

Uh uh ih ih .. ma carra cassania mi sa che la versione più alla "main" l'ha già postata qualcun'  altro (icon_rof)

Mo dico subito a EROE di allegartela leggi  per l'ennesima volta, la versione che era su IN QUIETE di G. Bertagni .. andava più che bene (mò l'ha fatta sparire .. perché segue il discorso soldi e insegnamenti a pagamento, e si vede che pubblica solo quel che vuole.. questa era troppo importante ed esplicita ..e lui .. l'ha tolta dal sito  swear ..ma io ne ho una una copia   ).



Ciao cara, stammi bbeenne e salutame UFO .. eh

see
avatar
U F A
Auditore
Auditore

Messaggi : 22
Punti : 95
Reputazione : 67
Data d'iscrizione : 18.06.16

Torna in alto Andare in basso

Re: "Il gran gioiello della discriminazione"

Messaggio Da Eroe per Caso il 2/6/2017, 19:31

Eccola
File allegati
GRANDE GIOIELLO DELLA MEDITAZIONE SHANKARA.pdf Non hai il permesso di scaricare i file.(339 kB) Scaricato 4 volte

_________________
avatar
Eroe per Caso
Risvegliato
Risvegliato

Messaggi : 4007
Punti : 11995
Reputazione : 7125
Data d'iscrizione : 06.02.15

Torna in alto Andare in basso

Re: "Il gran gioiello della discriminazione"

Messaggio Da cassania il 2/6/2017, 23:00

Grazie, cara, gentilissima

_________________
Scherzando, si può dire di tutto, anche la verità.
---

Il pensare è per me un male.
Il non pensare è per me un bene. (DN9 v.18)
---

L'uomo deve elevare sé stesso per mezzo di sé stesso.
Poiché solo egli stesso può essere l'amico o il nemico di sé stesso.(BG)
---

Ogni realtà, materia, sensazioni, percezioni, conoscenza e realtà condizionate non sono me. Non sono mie. Perciò da esse distaccatevi. Quel distacco è pace, che va al di là di ogni legame. (SN 4.16)
---

Lo yogi che ha raggiunto questo Stato sente che non esiste ottenimento più prezioso. (BG)
avatar
cassania
Guru
Guru

Messaggi : 2266
Punti : 7331
Reputazione : 4997
Data d'iscrizione : 22.06.15

Torna in alto Andare in basso

Re: "Il gran gioiello della discriminazione"

Messaggio Da Eroe per Caso il 2/6/2017, 23:17

@Totoro ha scritto:
Meglio levarsi dai cojons.. eh! 

Beh vuoi mettere? Uno  ha più scelta, sà dove andare e cosa fare, e se proprio ha la "mattana" può rinunciare al Nirvana, alla Brahmanità e cazzeggiare ancora ..se je piace pijà ancora qualche .... mazzata delusiva ahhahhah

Eppoi non lo trovi triste uscire dal corpo da incoscienti? ..è da incoscienti ..eccheccavoli boardmod_main

_________________
avatar
Eroe per Caso
Risvegliato
Risvegliato

Messaggi : 4007
Punti : 11995
Reputazione : 7125
Data d'iscrizione : 06.02.15

Torna in alto Andare in basso

Re: "Il gran gioiello della discriminazione"

Messaggio Da cassania il 5/24/2017, 23:18

L'altra sera leggendo alcuni versi ero andata a cercare il significato del termine samadhi ed avevo trovato un articolo che mi è sembrato utile, lascio qui il link: http://santacittarama.altervista.org/saggezza_del_samadhi.htm

_________________
Scherzando, si può dire di tutto, anche la verità.
---

Il pensare è per me un male.
Il non pensare è per me un bene. (DN9 v.18)
---

L'uomo deve elevare sé stesso per mezzo di sé stesso.
Poiché solo egli stesso può essere l'amico o il nemico di sé stesso.(BG)
---

Ogni realtà, materia, sensazioni, percezioni, conoscenza e realtà condizionate non sono me. Non sono mie. Perciò da esse distaccatevi. Quel distacco è pace, che va al di là di ogni legame. (SN 4.16)
---

Lo yogi che ha raggiunto questo Stato sente che non esiste ottenimento più prezioso. (BG)
avatar
cassania
Guru
Guru

Messaggi : 2266
Punti : 7331
Reputazione : 4997
Data d'iscrizione : 22.06.15

Torna in alto Andare in basso

Re: "Il gran gioiello della discriminazione"

Messaggio Da cassania il 11/5/2018, 23:01

L'altra sera avevo visto su YouTube che hanno fatto pure un film su Shankara: "Jagadguru Adi Sankara", https://youtu.be/ELFZ1GUQ07o
Non ho trovato la versione coi sottotitoli in italiano, forse però potrebbe esserci qualcosa coi sottotitoli in inglese (io comunque l'ho già visto in una terza lingua Very Happy).
L'info su Wikipedia: https://en.m.wikipedia.org/wiki/Jagadguru_Adi_Shankara
avatar
cassania
Guru
Guru

Messaggi : 2266
Punti : 7331
Reputazione : 4997
Data d'iscrizione : 22.06.15

Torna in alto Andare in basso

Re: "Il gran gioiello della discriminazione"

Messaggio Da LUMA il 11/5/2018, 23:54

Definizione di "discriminazione"?

E' forse quella data all'inizio... "...discriminare tra il Sè e il non-Sè..."??

avatar
LUMA
Scopritore
Scopritore

Messaggi : 112
Punti : 485
Reputazione : 359
Data d'iscrizione : 14.01.18

Torna in alto Andare in basso

Re: "Il gran gioiello della discriminazione"

Messaggio Da Eroe per Caso il 11/7/2018, 01:05

Discriminazione è quando lo spirito ti ha aperto e la tua vista ha occhi nuovi e parole profonde, là raggiungi immediata conoscenza e sai come dividerla da qualsiasi genere di illusione mentale.
Col tempo diventa parte integrante, è il tuo baricentro, e lui, questo fulcro, discrimina e ha un livello superiore di pensare, vedere e fare.

L'umano normale pensa e discrimina in modo razionalistico illusorio.
Il pazzo avendo persa la mente razionale ragiona con il solo ego.
Il filosofo ragiona a livelli superiori ma ancora imperfetti.
Il saggio lascia che sia il suo Baricentro a parlargli nel cuore e nella pancia.
(vedi Socrate che disse, in sunto, "è la mia voce interna, è questo Lui che mi parla, l'unico a cui io dia retta ed esso stà sopra ogni vs. Dio, Religione, Politica e Tempio Ateniese … da qui lo accusarono di vilipendio agli Dei e lo condannarono alla cicuta)

Il risvegliato, avendo tutto perso e a tutto rinunciato, deve far finta di pensare e si deve inventare una mente e un ego: se no sparisce icon_rof  in 3 secondi.
(vedi Buddha che risvegliatosi voleva scomparire immediatamente dal samsara)

Ci sono differenti livelli di discriminazione, quello animale
, quello istintuale, quello razionale, quello logico razionale, quello sovra razionale e sovra logico, quello disincarnato degli Dei e delle anime, oltre vi sono altri 3 livelli di discriminazione profonda e altissima.
Il tutto può essere realizzato ma non con la logica comune, anzi, la logica e il raziocinio possono essere per taluni di noi, delle vere muraglie insormontabili.

Unire i 2 lobi cerebrali può invece servire : pensiero cosciente e pensiero inconscio insieme possono essere un trampolino per rompere le catene con il mondo "solido Materiale", il quale in verità è solo un'immagine, come un film aleatorio e impalpabile: proiettato su un telone cinematografico, ma che non ha neppure la consistenza del telone su cui viene proiettato, esiste e si vede perché una luce ne permette la visione, un'energia, un'onda ne consente l'apparente apparizione.

Questa sopra è logica "discriminante", per farti un esempio. Però bisogna provarla e cercarla, per poterla verificare di persona (è questo l'unico compito reale che abbiamo, dentro).

_________________
avatar
Eroe per Caso
Risvegliato
Risvegliato

Messaggi : 4007
Punti : 11995
Reputazione : 7125
Data d'iscrizione : 06.02.15

Torna in alto Andare in basso

Re: "Il gran gioiello della discriminazione"

Messaggio Da LUMA il 11/7/2018, 21:47

Credo di capiere queste discriminazioni... anch'io ho passato livelli diversi di questa cosa... Anch'io percepisco a volte che in me c'è una voce che sbuca da chissà dove... e dice delle cose.
In questi momenti provo una sensazione di pace e centratura... non mi preoccupo di come verranno accolte le mie parole. Io in quel momento le sento giuste e fluide... tutto qua.

Ora ho cominciato a leggere queste frasette, così belle e perfette, raccolte nel Vivekacudamani... (Vedo che il Canone Pali fa fatica a proseguire, come se prima di iniziare un nuovo "sutta" dovessi per giorni elaborare quello precedente) discarica

...e così leggo e rileggo la frasetta... study ognuna è un mondo. Le "sento" molto vicine a quello che sto vivendo... ovviamente dalla parte dell'allievo ignorante. Sento il bisogno che un Perfetto Maestro diradi le piccole (ma presenti) nubi che si frappongono fra questo misero "me" e la Realtà.  


Piccole perle che compongono un grande Gioiello


festa
avatar
LUMA
Scopritore
Scopritore

Messaggi : 112
Punti : 485
Reputazione : 359
Data d'iscrizione : 14.01.18

Torna in alto Andare in basso

Re: "Il gran gioiello della discriminazione"

Messaggio Da LUMA il 11/7/2018, 22:22

 Ma proprio interessante!
avatar
LUMA
Scopritore
Scopritore

Messaggi : 112
Punti : 485
Reputazione : 359
Data d'iscrizione : 14.01.18

Torna in alto Andare in basso

Re: "Il gran gioiello della discriminazione"

Messaggio Da cassania il 11/8/2018, 00:02

In effetti lo è, pensa che non mi ricordavo più di quel link... : Però mi ricordo quell'articolo, mo' me lo rileggo pure io Very Happy Quando rileggo questi testi dopo un po' di tempo, riesco a comprendere un po' meglio ciò che magari prima sembrava difficile.
avatar
cassania
Guru
Guru

Messaggi : 2266
Punti : 7331
Reputazione : 4997
Data d'iscrizione : 22.06.15

Torna in alto Andare in basso

Re: "Il gran gioiello della discriminazione"

Messaggio Da Claudio il 11/8/2018, 23:05

Vi faccio un esempio: mentre meditiamo sorge un pensiero, uno non molto bello, lo si può afferrare e pensare “L’ho preso, questa volta i kilesa non hanno avuto la meglio”. E ci si congratula con noi stessi, ma non ci si rende conto che anche questo è kilesa. Si è stati ingannati in un altro modo!
Rolling Eyes ma anche no!

_________________
avatar
Claudio
Scopritore
Scopritore

Messaggi : 139
Punti : 340
Reputazione : 175
Data d'iscrizione : 25.02.15

Torna in alto Andare in basso

Re: "Il gran gioiello della discriminazione"

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum